Mobirise

Blog POETRONICART

CROWDFUNDING: UNA RACCOLTA PER IL CATALOGO DELLE OPERE DI MARINKA DALLOS

Team POETRONICART - Monday, October 16, 2017
Marinka Dallos nasce a Lőrinci, in Ungheria, nel 1929. Si trasferisce in Italia nel 1950, quando sposa il poeta e giornalista Gianni Toti, conosciuto a Budapest in occasione di un Incontro Mondiale della Gioventù Comunista. Negli anni Sessanta, nella casa di Monte Mario a Roma, Marinka inizia a dipingere. Est e Ovest, all’epoca separati da una cortina di ferro, si incontrano. Nei suoi quadri evoca scene di vita ungheresi ed altre italiane, per lo più romane. La vita del suo villaggio natale, le contadine in costume, e poi le piazze e i monumenti di Roma, con il suo traffico urbano, carovane di zingari, cicli e ricorrenze stagionali: sono questi i temi più ricorrenti della sua produzione. Dal 1968 le sue opere iniziano a essere esposte a Parigi, Colonia, Beverly Hills, Cracovia, Londra, Budapest all’interno di mostre di ambito naïf. Negli anni Settanta costituisce il gruppo dei “Romanaïf”. Eppure definire l’arte di Marinka Dallos “naïf” è discutibile. Lo diceva lei stessa nel 1985: “Ho formulato il mio pensiero in modo del tutto spontaneo. Non per caso sono una pittrice naïf, seppure la definizione abbia numerosi significati. Non sono innocente e neppure incolta. L’arte naïf è anche un’ideologia, perché appartiene alle classi subordinate. Il pittore naïf conserva la visione naturale delle cose.”
Marinka Dallos muore a Roma nel 1992. Il suo archivio è conservato presso la nostra associazione culturale “La Casa Totiana”, a Roma.



IL MARINKATALOGO: GLI INIZI
Nel 2013 La Casa Totiana riceve una email da Mirjam Dènes, una giovanissima studiosa ungherese di storia dell’arte, nata a Lőrinci, il paese natale di Marinka. Il suo progetto è il seguente: iniziare a studiare l’opera pittorica di Marinka Dallos, con l’intento di costruire un catalogo dei suoi dipinti. Mirjam trascorre i mesi estivi del 2013 alla Casa Totiana. Sistema la biblioteca della pittrice. Organizza l’archivio delle riproduzioni delle opere. Contatta i proprietari di cui rimane notizia nell’archivio e inizia la catalogazione dei dipinti. Sono circa 35 quelle conservati presso La Casa Totiana, alcuni dei quali esposti permanentemente presso i locali della Scuola Primaria Lante della Rovere, in Via Tevere. Rispetto al centinaio di opere, stimate inizialmente, Mirjam Dènes restituisce a Marinka un corpus pittorico di oltre trecento esemplari, distribuiti in collezioni private, gallerie e musei europei ed extraeuropei. Ne emerge una complessità pittorica che arricchisce di chiaroscuri il senso stesso della definizione di “naïf”. Attraverso alcune borse di studio, e il sostegno de La Casa Totiana, il lavoro continua con l’affiancamento di Hajnalka Korb, giovane fotografa che inizia una campagna di riproduzioni delle opere pittoriche di Marinka Dallos.

PERCHE’ UNA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING:
Il catalogo, intitolato “Marinka Dallos. L’opera pittorica”, è praticamente concluso nella versione ungherese. Nasce in formato digitale e si compone di oltre 400 pagine a colori, impaginate da Hajnalka Korb. Il prossimo passaggio, indispensabile per la chiusura del lavoro, è realizzare l’equivalente versione in italiano per offrire un catalogo bilingue. La campagna di crowdfunding nasce per coprire gli ultimi costi di traduzione e impaginazione della versione italiana e far fronte ad alcune spese relative ai diritti di riproduzione dei dipinti conservati in diverse istituzioni museali.

A questo link potete accedere alla pagina dedicata alla campagna (anche in lingua inglese e ungherese) e potete consultare le varie tipologie di ricompense previste per ciascun contributo.

GRUPPO78 SCEGLIE POETRONICART

Team POETRONICART - Monday, October 02, 2017
Vi proponiamo un articolo uscito oggi, 2 ottobre 2017, su BeBeez che racconta la piattaforma di Poetronicart e il progetto per il quale Gruppo78 ha avviato una campagna di crowdfunding sul nostro network.

Gruppo78 sceglie Poetronicart per raccogliere in vista del festival Robotics2 a Trieste nel 2018.

Poetronicart non è solo un omaggio ad un artista, giornalista, poeta, scrittore, insaziabile esploratore di linguaggi, creativo e visionario che sperimentava la mescolanza dei linguaggi (poesia ed elettronica, la POETRONICA) agli inizi degli anni '80, lui già vedeva quella che ora chiamiamo integrazione digitale multicanale. Questo personaggio era Gianni Toti, il Poetronico ed a lui è dedicata la prima parte del nome. La parte finale del nome è dedicata all’ARTE, il linguaggio dei linguaggi.
Per questo la denominazione è POETRONICART, linguaggi, sperimentazione, pensiero, azione. Con dedica a Gianni Toti. (Si veda anche precedente articolo di Bebeez sulla mostra in corso al MAXXI a Roma). L’ obiettivo è realizzare un progetto di business autosostenibile, che implementi un modello innovativo di filiera per rafforzare il settore creativo, dell’arte e della cultura in senso lato, offrendo quindi strumenti e linguaggi che aiutino l’evoluzione del pensiero. POETRONICART srl è una start-up innovativa insediata al BIC INCUBATORI REGIONALI FVG srl di Trieste, attiva da settembre 2016. La missione dell’impresa è offrire un modello di filiera compatibile con i principi dell’industria 4.0 a tutti gli operatori del settore culturale affinché riescano a produrre reddito attraverso la valorizzazione di asset culturali e progetti d’arte.
POETRONICART è anche un progetto di ricerca, sviluppo e innovazione ufficialmente riconosciuto che nasce dopo quasi due anni di incubazione in stretta e promotrice collaborazione con l’associazione LA CASA TOTIANA (in fase di trasformazione in fondazione) a Roma. L’associazione custodisce i fondi delle opere di Gianni Toti, artista e intellettuale e Marinka Dallos, pittrice ungherese. LA CASA TOTIANA, attraverso POETRONICART, ha disegnato una sua progettualità per creare il valore indispensabile per salvaguardare e tutelare le opere e gli asset culturali di cui è proprietaria per facilitarne la fruizione. Progetti, questi, prodotti e realizzati sia in Italia che all’estero. E’ stata per POTRONICART il primo e significativo esempio concreto di quello che, attraverso l’innovazione e la tecnologia, può essere messo a disposizione di ogni operatore del settore.

IL PROGETTO si offre in entrambe le sue due componenti, quella del progetto imprenditoriale POETRONICART e quella del patrimonio culturale da LA CASA TOTIANA, a qualsiasi forma di collaborazione/partnership con soggetti privati e istituzionali accomunati dall’obiettivo di creare un sistema CULTURA 4.0 che favorisca la condivisione della conoscenza attraverso la diffusione di cultura e arte in ITALIA e all’ESTERO.

(Qui di seguito il comunicato stampa per la campagna di crowdfunding che Gruppo78 ha caricato sul network di Poetronicart con l’obiettivo di raccogliere 4.500 euro per l’evento di anteprima del festival Robotics2, in programma a Trieste nel 2018.)

Giovedì 21 settembre scorso, all’interno del festival Next, è stata lanciata la campagna di crowdfunding del Gruppo78, associazione culturale no profit di Trieste, nata nel 1978, che ha prodotto più di 600 eventi nell’ambito dell’arte contemporanea, focus della sua attività di ricerca e operatività.
La campagna è funzionale alla raccolta fondi per l’evento di anteprima del festival Robotics2, dedicato al connubio arte/scienza/robotica. In occasione dell’anteprima, che si terrà al Teatro Miela a Trieste il 6 dicembre 2017, è prevista una conferenza stampa alla presenza di artisti, accademici e filosofi e un’anticipazione con performances, installazioni e opere video sul tema “Arte e Robotica” che costituisce il cuore di una riflessione che il Gruppo78 porta avanti ormai da anni.
Perché una campagna di crowdfunding?
Oltre al vantaggio immediato del riscontro economico, il crowdfunding in questo caso è inteso esplicitamente come una modalità per costruire una rete di persone interessate e coinvolte su un tema, quello della Robotica, di estrema contemporaneità e dalle innumerevoli sfumature (sociali, antropologiche, etiche…).
Le mostre inerenti opere con applicazioni tecnologiche avanzate comportano – non è difficile intuirlo – spese notevoli, certamente superiori ai costi medi di mostre “tradizionali”. Nell’ottica di costruire eventi che possano diventare momenti per “fare ricerca insieme”, Gruppo78 chiede agli spettatori di co-partecipare nell’interesse di tutti al processo di costruzione, diventando così coproduttori di un evento ad ingresso gratuito.
La somma raccolta sarà impiegata in parte per la realizzazione del video promozionale del festival del 2018, che racconterà, con l’utilizzo di molteplici linguaggi, le eccellenze scientifiche che popolano e caratterizzano Trieste, riconosciuta tra l’altro come Capitale della Scienza 2020.
Poetronicart, startup innovativa nel campo dell’arte, è stata scelta come network di crowdfunding all’interno del sito Produzioni dal basso. Poetronicart è un marketplace, una piattaforma digitale e non solo – con sedi operative a Trieste, Milano e Roma – rivolta al mondo dell’arte, della cultura e della creatività, per consentire e facilitare lo scambio e la messa in relazione tra competenze, risorse economiche, progetti, beni artistici e culturali con nuovi modelli di business.

Chi volesse sostenere la campagna di Gruppo78 può collegarsi al sito:
https://www.produzionidalbasso.com/project/robotics2-anteprima/

Crowdfunding per l’anteprima del Festival Robotics2

Team POETRONICART - Wednesday, September 27, 2017
Il gruppo78 sceglie il network di Poetronicart!

Al via la campagna di crowdfunding che Gruppo78 ha caricato sul network di Poetronicart con l’obiettivo di raccogliere 4.500 euro per l'evento di anteprima del festival Robotics2, in programma a Trieste nel 2018.

Giovedì 21 settembre scorso, all’interno del festival Next, è stata lanciata la campagna di crowdfunding del Gruppo78, associazione culturale no profit di Trieste, nata nel 1978, che ha prodotto più di 600 eventi nell’ambito dell’arte contemporanea, interesse principale della sua attività di ricerca e operatività.
La campagna è funzionale alla raccolta fondi per l’evento di anteprima del festival Robotics2, dedicato al connubio arte/scienza/robotica. Per l’anteprima, che si terrà al Teatro Miela a Trieste il 6 dicembre 2017, è prevista una conferenza stampa in presenza di artisti, accademici e filosofi, e una anticipazione con performances, installazioni e opere video sul tema “Arte e Robotica” che costituisce il cuore di una riflessione che il Gruppo78 porta avanti ormai da anni.
Perché una campagna di crowdfunding? Oltre al vantaggio immediato dell’apporto economico in sé, il crowdfunding è qui esplicitamente inteso come una modalità per costruire una rete di persone interessate e coinvolte in un tema, quello della Robotica, di estrema contemporaneità e dalle innumerevoli sfumature (sociali, antropologiche, etiche…). Le mostre inerenti ad opere con applicazioni di tecnologie avanzate comportano – non è difficile intuirlo – spese notevoli, certamente superiori ai costi medi di mostre “tradizionali”. Nell’ottica di costruire eventi che possano diventare momenti per “fare ricerca insieme”, Gruppo78, che è un’associazione no profit, chiede agli spettatori di co-partecipare nell’interesse di tutti al processo di costruzione, di diventare cioè coproduttori di un evento ad ingresso gratuito.
La somma che verrà raccolta - si legge nel testo della campagna di crowdfunding – sarà impiegata in parte per la realizzazione del video promozionale del festival del 2018. Un video nel quale saranno raccontati, con l’utilizzo di molteplici linguaggi, le eccellenze scientifiche che popolano e caratterizzano Trieste, tra l’altro riconosciuta come Capitale della Scienza 2020.
Poetronicart, startup innovativa nel campo dell’arte, è stata scelta come network di crowdfunding all’interno del sito Produzioni dal basso. Poetronicart è un marketplace, una piattaforma digitale e non solo (ha sedi operative a Trieste, Milano e Roma), rivolta al mondo dell’arte, della cultura e della creatività, per consentire e facilitare lo scambio e la messa in relazione tra competenze, risorse economiche, progetti, beni artistici e culturali con nuovi modelli di business.

Chi volesse sostenere la campagna di Gruppo78 può collegarsi al sito: https://www.produzionidalbasso.com/project/robotics2-anteprima/

Per maggiori informazioni:
Gruppo78: gruppo78trieste@gmail.com
Sito: www.gruppo78.it

POETRONICART srl
startup innovativa
insediata presso BIC Incubatori FVG S.p.A
Via Flavia 23/1 - 34148 Trieste
ITALY

P. IVA IT01282080322

Contacts
Email : info@poetronicart.it
Phone: +39 040 8992235
Fax: +39 0432 289484

Thanks for filling out form!